La Cerca della casa

La mia ricerca della casa non sta andando a buon fine; dopo una settimana in questo paese ho visto soltanto 5 appartamenti in due giorni! Sembrerebbe un ottimo andamento ma non è così: ogni giorno dovrebbe esserci un’ opzione nuova da considerare ma qui i proprietari delle case si fanno desiderare.
Non solo prediligono fissare gli incontri nel pomeriggio, se non addirittura verso sera, ma non amano farsi vedere nei week-end, e questo limita notevolmente le possibilità di incontro! Senza contare poi che affittano gli appartamenti in men che non si dica, per cui un appuntamento preso da mattina a sera potrebbe in realtà dissolversi per l’arrivo di un altro competitor!
Quel poco che ho visto però mi ha dato un’idea molto chiara di come siano gli appartamenti e tutto quello che ne concerne.
Innanzitutto, ho già ampiamente appurato che gli affitti in centro sono alti, molto alti, così alti che se non fossi qui per conto della mia azienda non me li sarei mai potuta permettere!
D’altro canto parliamo del centro di Mosca, una delle città più care d’Europa, e non della sua periferia, dove probabilmente una casa è più accessibile ai comuni mortali come me. Considerati gli stipendi, alquanto bassi, direi che sia plausibile.
In ogni caso, grande o piccola che sia, sembra che la cosa essenziale da trovare in un appartamento sia la TV: ce n’è una in ogni stanza! Ma non la classica tv a scatola dei vecchi tempi (io modestamente a casa mia ce l’ ho ancora), no, parliamo di tv a schermo piatto e di dimensioni colossali!
Probabilmente già questo di per sé è un ottimo punto di argomentazione!
Premetto che a casa non passo mai molto tempo davanti alla televisione (preferisco internet in tutto e per tutto), soprattutto considerato che il 90% di ciò che viene trasmesso è spazzatura (e mi sono mantenuta su una bassa percentuale…), ma quando ti trovi lontano da casa ogni tanto senti il bisogno di sentire parlare la tua lingua e avere contatti con la tua gente, anche se questa è italiana!
Eh sì perché, non so voi, ma quando si va all’estero generalmente l’ultima cosa che vuoi vedere è un compatriota, perché insomma, diciamocelo, non è che noi italiani brilliamo per i nostri comportamenti. Chi è con ha mai detto: “i soliti italiani, si fanno riconoscere dappertutto”?
Ma, come giusto stavo dicendo, nonostante tutto, quando sei troppo isolato nel nuovo contesto e la tua mente dopo un po’ si stanca di doversi concentrare a parlare un’altra lingua, e sei stanco di leggere e scrivere e ascoltare in un linguaggio diverso dal tuo… ecco che in quei momenti, quel patriottismo che non pensavi minimamente di avere, sale in superficie e ti fa desiderare, contro ogni aspettativa, di incontrare un membro della tua stessa specie! E’ incredibile lo so, ma succede. Hai bisogno di sentire parlare italiano, di sentire persino i telegiornali della tua tanto (più o meno) amata Italia!
E quindi, insomma, tante parole per dire che, a conti fatti, una mega TV satellitare può avere i suoi vantaggi!
Ma oltre alla televisione l’affitto comprende molto spesso svariate altre cose: internet, l’aria condizionata (da non credere ma d’estate dicono ce ne sia bisogno), l’arredamento quasi sempre al completo (e quando dico arredamento intendo proprio tutto, persino stoviglie o il ferro da stiro!), lavatrice, lavastoviglie e un boiler, la cosa più essenziale da considerare quando si affitta casa. Sì perché in estate, non ho ancora ben capito il motivo, per circa due settimane l’acqua calda viene staccata, per cui la presenza di un boiler che la riscaldi diventa di particolare importanza.
I 5 appartamenti erano tutti molto carini: il primo che ho visto era perfetto per le dimensioni e le stanze disponibili, oltre per la quantità esagerata di armadi! Peccato fosse ubicato in un palazzo decisamente cadente. Mi dispiace anche per la proprietaria che era simpaticissima, nonostante volesse trovarmi marito.
Un altro ancora si trovava in un palazzo eccezionale (vecchio di cent’anni!), molto bello e accogliente ma troppo piccolo.
L’ultimo che ho visto è per ora l’opzione 1 scelta: ha tutto quello che mi serve ed è grande abbastanza per gli ospiti e per la mia bicicletta! Anche la zona è comoda, ma questo è tipico di qualunque abitazione in centro. Infatti qui, oltre a trovare qualsiasi cosa una persona abbia bisogno (ci sono addirittura i solarium!), le stazioni metro sono ovunque e perfettamente collegate, impossibile perdersi!
Ma sulle meraviglie del centro ci arriverò poi, adesso passo e chiudo continuando la Cerca della mia nobile, seppur modesta, dimora.

Annunci
Categorie: (Dis)Avventure di una Decathloniana a Mosca | Tag: , , , , | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “La Cerca della casa

  1. Dave

    Chi cerca trova!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

kitchentoolslabdotorg.wordpress.com/

La cucina del domani, il sapore di una volta

ilgiardinonascosto

uno spazio interiore fatto di colori, profumi, pensieri e vibrazioni del cuore.

Blocco Gli Appunti

Il mio punto di vista su Film, Telefilm, Teatro, Libri, Anime

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: