Gli imprevisti della vita

Incipit:

La sua camicia è una macchia bianca sul letto. Lei la ignora: infila nel cassetto la biancheria pulita, mette la borsa nuova sul ripiano più alto dell’armadio, apre la finestra e cambia aria alla stanza. Va a sedersi davanti allo specchio. E’ bella, oggi; sembra quasi che il trucco di ieri sera le sia rimasto addosso. Ora può girarsi, raggiungere il letto. Prima sfiora il colletto e accarezza le maniche, poi se la preme sul naso, sulla bocca. Sorride: che stupida. Va all’armadio e cerca una stampella libera. Si sforza di non guardare il telefono anche se è lì, sul comodino.

Osserva la sua camicetta ancora una volta, restia a volerla riporre accanto agli altri indumenti e rischiare che anch’essa ne diventi parte: un amaro ricordo della sua vita prima di ieri. Un’ esistenza fatta di stenti, priva di passione, insieme ad un uomo che non riesce a darle nulla di più che amore, un amore che però a lei non basta, non più ora.
La vita è strana a volte, pensa sorridendo tra sé. Quando credeva che tutto stesse per crollare, che il mondo non avesse più nulla da offrirle, ecco che qualcos’ altro si era fatto strada verso di lei: una luce che rischiarava le tenebre e la invitava ad unirsi ad essa, pronta a regalarle un’altra giornata da vivere, da godere. Quando era uscita di casa, il giorno prima, non sapeva cosa
sarebbe successo, eppure doveva aspettarselo dopo tutti quegli incontri fugaci, di nascosto, al limite della legalità.
Se solo mio marito sapesse…
No, non può permettere che tali pensieri offuschino la sua felicità, non dopo ieri notte. Indossa di nuovo la camicia, stringendosela al corpo quasi fosse l’abbraccio di un amante.
Chiude gli occhi respirando profondamente e torna con la mente al giorno prima: il loro incontro in un bar di periferia, gli occhi di tutti puntati addosso e lei stranamente serena, sicura; il suo sguardo profondo che sembrava trapassarle il cuore, le labbra carnose che non chiedevano altro che essere baciate.
Il loro passaggio aveva destato scalpore per le vie del centro, due giovani amanti che esternavano il loro ardore senza curarsi di null’altro. Rammenta ancora il loro arrivo all’hotel, lo sguardo scioccato dell’anziano signore alla reception mentre consegna loro le chiavi della camera, e sorride.
C’era voluto così poco per dimenticarsi dell’uomo che le stava accanto da anni, una sola carezza e la promessa di una passione bruciante che non aveva mai provato prima. Una rampa di scale, la chiave che girava nella toppa, la porta che si chiudeva alle spalle… e di colpo si era ritrovata le sue mani su di lei: bottone dopo bottone le slacciavano la camicia, si stringevano sui suoi seni e correvano ansiose su tutto il suo corpo. Ripete ogni gesto, abbandonandosi al ricordo, respirando con affanno ora. Apre gli occhi e si volta, cogliendo la sua immagine allo specchio.
E’ decisa.
Prende in mano il telefono, compone un numero ormai così familiare, e attende di sentire quella voce calda e sensuale dall’altro lato. Sa che dovrebbe sentirsi in colpa, ma ormai suo marito è un ricordo lontano.
Nella sua vita ora c’è solo lei, quella donna che le risveglia i sensi, le accende la passione, le dona una vita che vale la pena di essere vissuta.

Annunci
Categorie: Racconti vari, Writings | Tag: , , , , , , , , | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “Gli imprevisti della vita

  1. Un finale… imprevisto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

kitchentoolslabdotorg.wordpress.com/

La cucina del domani, il sapore di una volta

ilgiardinonascosto

uno spazio interiore fatto di colori, profumi, pensieri e vibrazioni del cuore.

Blocco Gli Appunti

Il mio punto di vista su Film, Telefilm, Teatro, Libri, Anime

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: