Thoughts & Words

Ora tocca a te

“Se una cosa la vuoi, una strada la trovi.
Se una cosa non la vuoi, una scusa la trovi.”

(Proverbio africano)

Annunci
Categorie: Quotes, Thoughts & Words | Tag: , , , , | Lascia un commento

Non ho smesso di pensarti

Non ho smesso di pensarti,
vorrei tanto dirtelo.
Vorrei scriverti che mi piacerebbe tornare,
che mi manchi
e che ti penso.
Ma non ti cerco.
Non ti scrivo neppure ciao.
Non so come stai.
E mi manca saperlo.
Hai progetti?
Hai sorriso oggi?
Cos’hai sognato?
Esci?
Dove vai?
Hai dei sogni?
Hai mangiato?
Mi piacerebbe riuscire a cercarti.
Ma non ne ho la forza.
E neanche tu ne hai.
Ed allora restiamo ad aspettarci invano.
E pensiamoci.
E ricordami.
E ricordati che ti penso,
che non lo sai ma ti vivo ogni giorno,
che scrivo di te.
E ricordati che cercare e pensare son due cose diverse.
Ed io ti penso
ma non ti cerco.

Charles Bukowski

Categorie: Quotes, Thoughts & Words | Tag: , , , , | Lascia un commento

Niente Paura

— Cos’è la felicità per te? —
— Raggiungere una tale serenità nella mia vita da non avere paura di morire. —

 

Categorie: Thoughts & Words | Tag: , , , , , , , | 1 commento

Sogno, o son morta?

A volte mi chiedo se sono morta oppure no.
Potrebbe essere il motivo per cui le cose non vanno avanti, stanno sempre ferme lì, e tu le attendi senza mai giungere alla conclusione perché significherebbe svegliarsi e fare i conti con la realtà, ovvero che tutto questo non esiste.
Se non nella mia mente deceduta.
A voi non capita mai di avere questa sensazione?
Nessuno chiama, nessuno risponde, nessuno scrive.
Il mondo attorno è morto.
Oppure lo sono io.
Il silenzio dell’informazione, è questo il più straziante.
Che succede oltre il confine della mia “non-morte”?
Qualcuno mi dia un segno.

Categorie: Thoughts & Words | Tag: , , , , , , | 6 commenti

Dawn is coming

Quasi le 3 del mattino e sono qui a scrivere dopo tanto tempo.
Non riuscivo a dormire…
Come spesso capita ultimamente.
Ho deciso di guardare un film: “The secret Life of Walter Mitty”.
Per la terza volta!
Avevo bisogno di una spinta positiva; qualcosa che tirasse fuori pensieri incoraggianti, seppure amalgamati a un impasto di tristezza.
Non starò a recensirlo, questo non è il giusto momento.
Vi basti la colonna sonora.

Walter Mitty

 

Categorie: Thoughts & Words | Tag: , , , , , , , , | 4 commenti

Quella gelida estate

Racconto pubblicato nell’antologia
“365 Racconti d’estate”, Delos Books.

Quasi ora di pranzo e sono ancora a letto, per niente ansiosa di alzarmi. È una domenica come tante: grigia e vuota come quelle passate, che riporta alla mente ricordi infelici non troppo lontani.
Guardo fuori l’inverno farsi strada tra le case e gli alberi, ammantando il mondo di malinconia.
Dipingerebbe un bel quadro, se non portasse con sé foschi pensieri e un gran freddo dentro.
Quand’è stata l’ultima volta che ho ascoltato il suono della primavera, quando si svegliano le fate per danzare con gli insetti? E quando, mi ha toccato l’estate, con la sua stella più grande a mordermi la pelle fino a farla bruciare?
Non ne ho memoria.
Ricordo solo attesa, speranza, un sogno.
La vita come la desideravamo: una casa, un orto, un bosco, e poco oltre il mare.
– Vorrei davvero vederla, quella casa – ti dicevo.
– Ma tu la vedi. Ogni giorno, nei miei sogni, tu sei lì ad aspettarmi.
– Vorrei che non fossero solo sogni.
– Ti ci porterò, quando tutto questo sarà finito.
Ma non è mai finito, e ora mi rimane il ricordo di quella gelida estate al mare, quando mi hai detto addio, non per l’ultima volta. E il mio ritorno a Mosca, nel suo abbraccio afoso, lontano da te. E le innumerevoli notti, e gli sterminati giorni, in quel torrido prolungarsi del tempo che consumava la mia vita, che ne portava un’altra con sé.
Non te lo dissi mai.
Mi sarebbe bastata quell’esistenza a metà, quel sapore dolce-amaro che mi lasciava la tua presenza.
Quel dolore che mi spalancava il cuore quando te ne andavi, e che ci faceva soffrire entrambi mentre sognavamo a occhi aperti, abbracciati negli ultimi istanti, la vita che mai avremmo potuto avere. Inutile la mia scelta di starti vicino, inutile la tua di parlare con lei.
Eppure mi sarebbe bastato.
– A me no – fu l’ultima cosa che mi dicesti.
Un pianto sommesso mi sveglia dall’incubo di quei giorni non troppo lontani; e l’amaro ricordo si placa, ora, nel guardare negli occhi tuo figlio: ultima cosa di te che Dio mi ha donato, unica cosa di noi che mai avrà fine.

AT12_365estate_front_A

Categorie: Racconti vari, Thoughts & Words, Writings | Tag: , , , | 1 commento

Lettera di una ragazza suicida

Quello che segue è per chi cercherà di trovarci un senso, delle giustificazioni, una motivazione.
È per chi si chiederà “com’è possibile? Era una persona così solare.”
Non cercate di capire: non ci riuscirete.
Non fatevene una colpa: non è vostra.
Ognuno di noi vive con i propri pesi, io ho cercato di portare il mio finché ho potuto, ma non è la prima volta che provo questa strada e spero sia l’ultima.
Il sangue sta scorrendo dalla mia arteria aperta, non riesco più a muovere la mano sinistra e fra poco non riuscirò più nemmeno a usare l’altra.
Comincio a vedere annebbiato, le mie percezioni sono alterate ma devo continuare. Ho bisogno di spiegare, per voi, per rendervi il dolore più facile da sopportare.
Mi trovo in un limbo, in uno stato di inquietudine perpetuo.
Attorno a me non ho appigli, solo il perenne vuoto. Non riesco a guardare oltre, il mio cervello si ribella al pensiero di ciò che sarà perché, come può esserci qualcosa se tutto rimane uguale?
Il tempo si muove in modo angosciante, si prende gioco di me e non mi regala niente, solo memorie di giorni sbagliati.
Ruota intorno al mio presente, diventando passato e futuro ma rimanendo fermo sullo stesso punto.
Vedo solo il nulla.
E mi chiedo perché andare avanti: lottare, impegnarsi, soffrire, perdere, cadere per poi, infine, morire?
La vita è questa e io sono stanca di seguirla.
Meglio anticipare l’inevitabile secondo le mie regole, non quelle di una qualche forza superiore con un suo magnifico piano.
Se un dio esiste non mi interessa, non voglio ascoltare ciò che ha da dire, non andremmo comunque d’accordo.
Non vi adirate con nessuno, so a chi state pensando, la colpa è solo mia: non sono mai stata adatta a questo mondo e ora me ne vado con tutta la serenità che non ho mai avuto prima.
Non sento più la mano, le palpebre si fanno pesanti, forse è davvero giunta l’ora.

Categorie: Racconti vari, Thoughts & Words | Tag: , , , , , , , , | 3 commenti

La metà che non basta

Sono un sogno.
Un’idea.
La libertà.
Sono una scelta che non sarà mai fatta.
Un desiderio, l’amore, la vita.
Sono una donna: l’amante e la puttana.
Ma non sarò madre, e mai sarò moglie.
Sono la metà che non basta: sono tutto eppure niente.

Categorie: Thoughts & Words | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

L’amore è…

“L’amore è paziente, è benigno; l’amore non invidia, non si mette in mostra, non si gonfia, non si comporta in modo indecoroso, non cerca le cose proprie, non si irrita, non sospetta il male; non si rallegra dell’ingiustizia, ma gioisce con la verità, tollera ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa.”
(Corinzi 1-13)

Categorie: Quotes, Thoughts & Words | Tag: , , , , , | 2 commenti

Emozioni

Oggi va così…

Seguir con gli occhi un airone sopra il fiume e poi
ritrovarsi a volare
e sdraiarsi felice sopra l’erba ad ascoltare
un sottile dispiacere.
E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire
dove il sole va a dormire.
Domandarsi perché quando cade la tristezza
in fondo al cuore
come la neve non fa rumore
e guidare come un pazzo a fari spenti nella notte
per vedere
se poi è tanto difficile morire.
E stringere le mani per fermare
qualcosa che
è dentro me
ma nella mente tua non c’è.
Capire tu non puoi
tu chiamale se vuoi
emozioni
tu chiamale se vuoi
emozioni.
Uscir dalla brughiera di mattina
dove non si vede ad un passo
per ritrovar se stesso.
Parlar del piu’ e del meno con un pescatore
per ore ed ore
per non sentir che dentro qualcosa muore.
E ricoprir di terra una piantina verde
sperando possa
nascere un giorno una rosa rossa.
E prendere a pugni un uomo solo
perché è stato un po’ scortese
sapendo che quel che brucia non son le offese
e chiudere gli occhi per fermare
qualcosa che
è dentro me
ma nella mente tua non c’è.
Capire tu non puoi
tu chiamale se vuoi
emozioni
tu chiamale se vuoi
emozioni

Categorie: Diaries, La mia vita in musica, Thoughts & Words, Varia | Tag: , , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

kitchentoolslabdotorg.wordpress.com/

La cucina del domani, il sapore di una volta

ilgiardinonascosto

uno spazio interiore fatto di colori, profumi, pensieri e vibrazioni del cuore.

Blocco Gli Appunti

Il mio punto di vista su Film, Telefilm, Teatro, Libri, Anime

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: