Cap 3: L’ombra della profezia

Cap 3: L’ombra della profezia

Toras Skelling

toras

La calca che ingombrava gli stretti passaggi tra i banchi del mercato aveva dato un vantaggio non indifferente al ragazzo, che riusciva ad infilarsi tra i capannelli di persone e sgusciarne molto più rapidamente che gli inseguitori. I paesani non si curavano più di tanto quando venivano urtati dal monello, anche se alcuni, più accorti, portavano una mano al borsello controllando che ci fosse
ancora tutto. Ben diversa la reazione che, alcuni attimi dopo, suscitavano i tre Figli della Luce, le braccia protese in avanti a scantonare chi si trovava al centro dell’inseguimento: gli avventori allora si scansavano velocemente, mormorando veloci preghiere o mezze imprecazioni; i venditori, invece, più avvezzi a questo genere di avvenimenti, si limitavano a sbuffare o scuotere la testa,
indispettiti da ogni piccola distrazione che distogliesse i compratori dalla loro mercanzia. Toras e il vecchio Jaem seguivano a breve, sfruttando il varco creato dai robusti Manti Bianchi.

– continua –

http://www.wheeloftime.altervista.org/files/ChainNovel_WOT_Capitolo3.pdf

Categorie: Cap 3: L'ombra della profezia, Chain Novel: La Quarta Era, Writings | Tag: , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

kitchentoolslabdotorg.wordpress.com/

La cucina del domani, il sapore di una volta

ilgiardinonascosto

uno spazio interiore fatto di colori, profumi, pensieri e vibrazioni del cuore.

Blocco Gli Appunti

Il mio punto di vista su Film, Telefilm, Teatro, Libri, Anime

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: